Gli specialisti del pulito +39 389 79 47 350 anche su Telegram

Assistenza tecnica

La tua aspirazione centralizzata non funziona?
Vuoi installare l'aspirapolvere centralizzato in esterno?
Hai l'aspirazione centralizzata intasata

Presa da sostituire?
Guasto operativo?

Se il problema non è complesso puoi provare a risolvere intervenendo di persona con il fai da te; per consigli o dritte su come intervenire, puoi chiamarci e cercheremo di capire il tuo problema direttamente al telefono in modo da fornirti la necessaria assistenza ed eventualmente consigliarti al meglio il giusto componente.
Se sei un cliente registrato puoi anche inviarci sms dal numero lasciato in fase di registrazione chiedendo un contatto; ti richiamiamo noi, senza spese per te. 

Se ti servono ricambi e componenti  per i prodotti Enke, cartucce filtranti particolari, prese o particolari accessori che non trovi nell'apposita pagina, scrivici. 

Se invece il problema è più complesso oppure il fai-da-te non fa per te puoi sempre optare per il nostro servizio di assistenza tecnica a domicilio.
Ti invieremo qualcuno sul posto. 

Con Enke un significativo passo avanti riguarda l'assistenza del prodotto e la sua garanzia.

Entro il periodo di garanzia avete diritto a riparazioni e materiale gratuito. Trascorsi i 7 anni nessuno vincola il cliente ad uno specifico centro assistenza. Non esistono componenti che non possiamo fornire al cliente per eseguire in proprio il lavoro con un po di fai da te o con l'assistenza di un suo tecnico di fiducia.

Di seguito qualche informazione che potrebbe interessarti:

Ho sentito dire che le tubazioni dopo qualche anno sono da sostituire...

La rete tubiera di un impianto ben installato dura 50 anni (e più) senza particolari noie. 
Il sistema di per sé è storia antica: negli Usa già installato in massa fin dagli anni '40 e in Italia dagli anni '70 e dunque ampiamente collaudato.

Ho letto su qualche forum che le tubazioni o le prese potrebbero tapparsi....

Questo entro certi limiti è possibile e normale. Inutile negare che durante tutta la vita dell'impianto prima o poi chiunque va incontro alla presa o alla porzione di impianto otturato ma non deve essere un problema frequente, ma molto molto raro; indi per cui facilmente risolvibile anche dall'utente stesso con qualche mezzo di fortuna.

Se l'evento si verifica frequentemente i problemi potrebbero essere dovuti ad una cattiva installazione.

Nel 50% dei casi i motivi sono dovuti ad un uso non propriamente corretto da parte dell'operatore. Spesso la potenza aspirante (superiore a qualsiasi altro apparecchio in commercio) tende a farsi prendere la mano e “tirar su” finanche piccoli oggetti. Questo potrebbe “funzionare”, 8 volte su 10 ma ovviamente prima o poi qualcosa si mette di traverso (es, stuzzicadenti, vetri rotti di bicchieri e bottiglie che hanno anche una funzione erosiva) e comunque rimane pur sempre un aspirapolvere, per cui si dovrebbe aspirare solo sporco e polvere.

Il secondo maldestro uso riguarda sovente l'aspirazione di aree molto o parzialmente umide (come un pavimento bagnato in bagno o cucina) che li per li non provoca problemi (sempre che la parte liquida non sia eccessiva) ma per cui poi si prende la brutta abitudine di farlo spesso. A lungo andare, l'umidità che si deposita nei tubi “stratifica” la polvere creandone una suola compatta e rimovibile solo con determinate tecnologie.

Il terzo motivo potrebbe essere un maldestro assemblaggio dell'impianto, spesso relegato all'impiantista di turno, che non ha sempre le idee chiare di quali accorgimenti specifici vanno considerati per un impianto a regola d'arte e si improvvisa. Salvo poi scoprire dopo qualche tempo che sono state usate parti di tubazione non idonee, ma più consone a scarichi, oppure un certo raccordo è inserito a rovescio, oppure non sono stati sigillati adeguatamente i raccordi tra loro e inevitabilmente la zona rimasta “umida” attorno alle tubazioni viene regolarmente aspirata durante il funzionamento.

Per scongiurare danni alla centrale e problemi alle tubazioni raccomandiamo di aspirare ceneri da camini e stufe (spente) o acqua (anche in quantità) utilizzando SEMPRE l'apposito separatore. In questo modo, la rete tubiera e il motore saranno salvi e la vostra soddisfazione per il risultato, massima.

Per evitare il blocco impianto dovuto all'aspirazione di piccoli oggetti consigliamo di aggiungere l'utilissimo accessorio salva oggetti universale.

Potrebbero risalire insetti attraverso le tubazioni fin dentro casa...

Assolutamente IMPOSSIBILE ! L'impianto è a tenuta stagna proprio perché va sotto vuoto.
A meno che non abbiate un tubo rotto, nel caso però il vostro impianto risulterebbe assolutamente inefficiente, senza nessuna forza aspirante e ve ne accorgereste subito. 
Tuttavia un tubo rotto non compare dal nulla: probabilmente è stato rotto durante lavori di muratura recenti.

Ma potrebbe entrare dallo sfiato esterno del motore...

Se cosi fosse, non li trovereste mai in casa e nemmeno nel secchio di raccolta perché il motore è sigillato e la turbina aspirante è separata dal contenitore polveri da un filtro ermetico. 
Bene che vada lo trovereste probabilmente essiccato dentro al filtro durante la manutenzione periodica.

Il filtro della centrale aspirante è eterno...

No, la cartuccia filtrante per aspirapolvere centralizzato non è eterna. Se il filtro non è autopulente, la cartuccia va pulita periodicamente e sostituita ogni 1 – 2 o 4 anni, secondo il tipo di filtro (carta o poliestere) e lo sfruttamento dell'impianto. Se non la si sostituisce mai, la differenza di potenza aspirante rimane minima, malgrado l'efficienza del filtro continui a calare inesorabilmente per deterioramento. 
A farne le spese è la longevità del motore, per questo in via preventiva le nuove unità segnalano il “service” periodicamente ricordandovi di pulirlo.
Quello in poliestere è anche lavabile e dura il doppio.